~Amaterasu O-Mi-Kami «Giappone, Anime, Manga, Animali, Dorama, Grafica, Musica e tanto altro»

Reply

Come fanno gli studenti giapponesi ad accedere a una scuola superiore o a un’università?

« Older   Newer »
view post Posted on 21/9/2009, 17:31 Quote
Avatar


Group:
~AmmyTEAM;
Posts:
5,213

Status:


image

Per gli studenti giapponesi è obbligatorio frequentare la scuola per nove anni: sei sono di elementari e tre di medie. Ci sono alcuni istituti privati dove gli studenti possono giungere alle superiori a partire dalle elementari senza sostenere alcun esame nel passaggio di grado di istruzione, ma la maggior parte deve sostenere un esame di ammissione per guadagnarsi un posto in una scuola superiore o una facoltà universitaria.

Le statistiche dimostrano che il 98% di tutti gli studenti giapponesi frequentano le scuole superiori una volta terminate le medie. Vengono tenuti esami di ammissione diversi a seconda del tipo di scuola: nazionale, pubblica o privata.

Facciamo un esempio: uno studente che ha terminato i nove anni di formazione obbligatori vuole frequentare una scuola superiore pubblica. Basandosi sui risultati e i voti ottenuti durante le scuole medie e prima di sostenere l’esame di ammissione, lo studente preparerà un tracciato delle scuole superiori dove avrà maggiore probabilità di essere ammesso. Saranno quindi le singole scuole superiori a decidere se accettare o meno il candidato studente tenendo presente una combinazione dei suoi risultati delle medie con il voto dell’esame di ammissione.

Quando gli studenti delle superiori pianificano di frequentare un’università, sono sicuri che molte prove li aspettano. Per accedere a una facoltà nazionale o pubblica, devono sostenere un esame di ammissione unico per l’intero paese. Circa l’80% di tutte le università private si avvalgono inoltre di questo test unificato come ulteriore elemento di valutazione. 511,272 studenti hanno sostenuto questo test nel 2007. Le università tengono conto del risultato di questo test, in aggiunta alle valutazioni particolari di ogni singola istituzione.

Non è raro che le scuole facciano dei colloqui privati con gli studenti, o richiedano saggi o altri tipi di esami pratici per scegliere chi ammettere all’istruzione. Alcune università sono molto competitive: per la maggior parte delle facoltà più prestigiose potrebbero esserci solo 20 o 30 candidati per ogni primo anno di corso!

fonte
---------------------------
Devo dire che questo sistema scolastico è totalmente differenti dal nostro, primo è più selettivo, cioè (almeno da me), anche se non avevi studiato un tubo alle medie e alle elementari, ti facevano passare sempre (solo dei casi eccezzionali venivano bocciati), forse la situazione è migliorata alle superiori, ma non tutte quelle della mia città sono serie, secondo si può scegliere se fare le superiori o no, e questo è un bene specialmente per chi non trova una scuola adatta oppure non vuole studiare, esempio io, avrei fatto l'artistico, ma quello della mia città FA SCHIFO, non ti insegnano niente, la scuola è mezza decadente (l'anno scorso è volato giù il tetto) e per di più bisogna fare un po' di pomeriggi (oltre la mattina) -.-', a mio parere sarebbe meglio avere un sistema scolastico come quello giapponese, i primi anni si faticava un po', ma almeno pian piano si diventa libera\o.

firmahikari
Cos-page:

 
PM Email  Top
Irene Adler
view post Posted on 21/9/2009, 19:52 Quote




Trovo questo sistema molto più valido perchè in primo luogo lo studente si deve organizzare e impegnare molto di più di ciò che, in media, si fa per esempio nelle nostre scuole; in oltre permette agli studenti di fare autocritica e rendersi conto, in base al proprio impegno e rendimento, quale scuole possano essere adatte a lui.
Sicuramente si richiede più impegno agli studenti, però non penso sia una cosa sbagliata, anzi...
CITAZIONE
Devo dire che questo sistema scolastico è totalmente differenti dal nostro, primo è più selettivo, cioè (almeno da me), anche se non avevi studiato un tubo alle medie e alle elementari, ti facevano passare sempre (solo dei casi eccezzionali venivano bocciati), forse la situazione è migliorata alle superiori, ma non tutte quelle della mia città sono serie

Ti quoto Hikari.
Il sistema scolastico italiano ha diverse pecche fra cui proprio il permissivismo: Se uno studente si merita la bocciatura deve essere bocciato! Anche perchè se viene trascinato avanti la situazione non fà che peggiorare. Parlo per esperienza personale: ho frequentato scuole pubbliche e private; in entrambi i tipi promuovevano gente che non si impegnava se non alla fine dell'anno per prendere un 5 1/2 o un appena sufficiente, gente con tre debiti gravi/ insufficienze che faceva casino in classe e rispondeva male ai professori/maestri...tutta gente passata di anno in anno per una clemenza senza senso.
Meglio il sistema scolastico giapponese: se non ti impegni bocciato, ti rifai l'anno e studi; se fai il teppista arriva la sospensione e chiamano a casa...altro che Italia!

 
Top
fong
view post Posted on 27/9/2009, 11:33 Quote




adoro il sistema scolastico giapponese!!!
rappresenta tutto l'ordine di questa nazione...e,come avete già detto voi,seleziona gli studenti senza fare favoritismi od altro!!
però mi è venuta in mente una domanda: ma la differenza tra scuola nazionale e pubblica?
 
Top
view post Posted on 27/9/2009, 11:55 Quote
Avatar


Group:
~AmmyTEAM;
Posts:
5,213

Status:


CITAZIONE (fong @ 27/9/2009, 12:33)
però mi è venuta in mente una domanda: ma la differenza tra scuola nazionale e pubblica?

Io sapevo che alla nazionale andavano solo i migliori e alla pubblica un po' tutti, di questa cosa non ne sono sicura, anche perchè cercando non ho trovato niente che potesse confermare questa cosa che mi era stata detta

firmahikari
Cos-page:

 
PM Email  Top
fong
view post Posted on 30/9/2009, 13:58 Quote




è già una spiegazione ragionevole!^^ grazie!!^^
 
PM  Top
4 replies since 21/9/2009, 17:31
 
Reply